Zoccoloni di plastica

Io le Crocs le ho viste indosso a una signora cinquantenne, e sono impressionanti come al tiggì. Lì per lì mi son detta "Toh, eccole, finalmente le vedo." E poi: "Ma che novità sarà? Albertone le ha sempre portate, quelle verdi della sala operatoria..."
Quelle della signora erano proprio fucsia come nell'immagine di Betty Moore.
Per quanto mi riguarda non ho una vera opinione in proposito. Dovrei provarle per averne una, ma costano parecchio per essere dei ciabattoni di plastica. A loro favore c'è il fatto che sarebbero anti-puzza, confesso che il podalico olezzo è qualcosa contro cui combatto quotidianamente. Ho subito troppi anni di scarpe appuntite per essere aprioristicamente contro delle calzature arrotondate. Certo mi avrebbero fatto comodo lo scorso anno, col pancione e il caldo estivo, ma se fanno davvero sudare i piedi come leggo, allora hanno fatto bene a metterci l'orribile cinturino da spostarsi davanti o di dietro, altrimenti sai che sciamblandoni*.
Belle belle non devono essere, se come leggo nei commenti sono una moda USA dello scorso anno e se comunque le ha scelte quel buzzicone di Bush.
E poi crocs e jibbitz, chiamiamoli per quello che sono: zoccoloni di plastica con bottoncini decorativi. Così fa meno cool e ridimensioniamo il fenomeno.




* in dialetto romagnolo: l'acrobatica caduta a gambe all'aria a seguito di una storta

Commenti

  1. utente anonimo13 giugno 2007 22:29

    Ti posso assicurare che fanno puzza e che fanno molto sudare i piedini. Io al lavoro li porto tutti i santi giorni per ben più di 6 ore e se non metti i fantasmini ai piedi stendi tutti. E' capitato qualche volta (per fortuna rare volte) che mi sono dimenticata di portare da casa i calzini.Dramma!!!!
    Come fare????
    Bhè tra un esame e l'altro, tra un paziente e l'altro, tra un reparto e l'altro, insomma non facevo altro che cambiarmi una specia di pseudo pedulina: ti spiego meglio.
    All'interno dello zoccolone di plastica mi ero costruita una sorta di soletta o fatta con decine e decine di garze sterili trovate nei carrelli di emergenza nelle corsie dei reparti o addirittura in sala operatoria rubavo chili di cotone per costruirmi questa famigerata pedula.
    Insomma un gran tribolo!!!!

    RispondiElimina
  2. Quindi usi le Crocs per lavorare? Beh, qualcuno le ha prese per fare giardinaggio... Ma non costano molto? A me sembra che 65 euri per degli zoccoloni di plastica siano troppo, allora farò col vecchio infradito usa-e-getta-dopo-l'estate.

    RispondiElimina
  3. Hey Mema! Vedo che utente anonimo di #1 sei te... Firmati però, che altrimenti come lo capisco?

    RispondiElimina
  4. Io le ho (da un bel po') e non puzzano. Le ho messe ai primi caldi e non le toglierò fino alle prime piogge. Auto-mare-auto-casa-giardino-casa-auto-ufficio-auto-casa. Le tolgo solo per dormire. E per lavarmi, anche se non servirebbe.

    RispondiElimina
  5. Questa è una buona notizia. Sono terribilmente attratta dalla loro forma tondeggiante e dai colori decisamente kitch, ma mi tira un po' spenderci tanti soldi. Però se dici così, si ammortizzano bene. Devo solo trovare un posto dove le vendono...

    RispondiElimina
  6. Le mie dall'improponibile color azzurro bidet arrivano dal sito europeo dopo averne provato un paio color cacchetta in un negozio di roba sportiva. L'UDT (cavia ufficiale antipuzza) e la Minica (sì, pure lei...) se le sono prese in Austria, dove c'è un crocs shop in ogni dove.

    RispondiElimina
  7. Quindi mi fiondo in un negozio fighetto e le provo poi "non so, devo abituarmici, magari ci penso su un po'" vado sul sito europeo e ordino la taglia che mi calza bene... Una bella idea

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari